Quali piastrelle del bagno sono più adatte a voi?

logoIl bagno è la stanza più impegnativa per trovare le piastrelle. Questo è in gran parte dovuto a soluzioni indirizzate all’igiene e alla resistenza verso l’acqua. Inoltre, le piastrelle possono aggiungere valore potenziale a un bagno offrire alcune finiture uniche che non possono essere compensate da altri materiali.

I bagni in grado di ospitare tutti i tipi di piastrelle che si tratti di ceramica o porcellana, travertino o ardesia. In definitiva, la preferenza personale è fondamentale, tuttavia i suggerimenti di seguito vi aiuteranno a ridurre l’imbarazzo della scelta giusta per il vostro bagno.

I bagni hanno bisogno di essere un luogo d’igiene, cosa che le piastrelle possono certamente offrire. Le loro superfici offrono un aspetto ‘fresco’ e ‘facile pulire’, l’igiene è una delle prime cose che vengono in mente quando si utilizzano piastrelle in bagno.

Anche se le piastrelle sono resistenti all’acqua, non sono completamente impermeabili. Sarà quindi importante impermeabilizzare l’area della doccia ridendo qualsiasi potenziale danno idrico per le pareti dietro la piastrellatura.
Si scelgono piastrelle in pietra naturale per il vostro bagno, assicurarsi che siano sigillate e osservate tutti i consigli sui prodotti per la manutenzione prima della posa in modo da evitare danni causati dall’acqua e danni alla colorazione.

I negozi di piastrelle sapranno comunque consigliarvi il meglio in base alle specifiche esigenze: negozi di piastrelle a Torino, a Roma etc sono ben distribuiti nei principali centri urbani, con consulenti d’esperienza che possono consigliarvi al meglio. Nelle grandi città la scelta è molto ampia, si trovano grandi negozi sia in centro che in periferia. Solitamente i negozi o showroom di periferia hanno dimensioni più ampie. L’offerta quindi per quanto riguarda il mercato non è un problema. In città di grandi dimensioni si è in grado praticamente di trovare tutti i tipi di produzione di piastrelle, con molta omogeneità tra una città e l’altra, ad esempio l’offerta di piastrelle a Torino non sarà dissimile da quella di Napoli o Palermo.

È sconsigliato l’uso di piastrelle grandi in un bagno piccolo (per esempio 60×30 cm), perché vorrebbero rimpicciolire ancora di più la stanza in modo significativo. Meno linee appaiono (parlando di fughe) più il bagno sembrare un grande.

Con piastrelle piccole (es. 10×10 cm) in bagni di piccole dimensioni, saranno evidenti molte linee di stucco (rispetto all’utilizzo di piastrelle più grandi) che daranno un effetto sgradevole. Di conseguenza, molte persone scelgono piastrelle di medie dimensioni (per esempio 40×20 cm), che sono una scelta comune per i piccoli e grandi bagni di oggi.

Si dovrebbe anche prendere atto della distanza tra il vostro lavabo, WC, finestre, ecc Se la spaziatura è molto compatto, piccole piastrelle possono essere la scelta migliore, in quanto saranno ‘flusso’ meglio di grandi piastrelle e richiedono meno tagli.