Santo Domingo: destinazione caraibica da sogno

logoSanto Domingo, capitale della Repubblica Dominicana, è una delle destinazioni caraibiche più rinomate al mondo. La storia di questa celebre località ha inizio negli ultimi anni del Quattrocento quando il fratello di Cristoforo Colombo vi giunse esplorando il fiume Ozama. Dopo pochi anni, Santo Domingo divenne il primo insediamento spagnolo delle Americhe.

Tra le strade della città potrete ancora oggi ammirare edifici dell’epoca coloniale. Un patrimonio prestigioso che ha garantito a Santo Domingo il titolo di Patrimonio dell’umanità. Nella zona denominata Ciudad Colonial, cuore storico di Santo Domingo, potrete visitare la splendida Cattedrale di Santa María de la Ecarnación Primada de América, la chiesa più antica del Nuovo Mondo. Costruita tra il 1521 e il 1541, la basilica è in stile rinascimentale e plateresco. Celebri sono anche la Puerta del Conde, l’Alcazar de Colón, il Museo de las Casas Reales, la Fortaleza Ozama e la Iglesia de Nuestra Señora de la Altagracia. Se volete dedicarvi allo shopping, recatevi, infine, nella Calle del Conde e nella Avenida Duarte, le due zone commerciali più importanti della Ciudad Colonial.

Tra le altre attrazioni della città non perdete il Giardino Botanico Nazionale, un’ampia zona verde dove potrete passeggiare tra le più variegate specie vegetali. All’interno del giardino, da visitare in trenino o a piedi, si trova anche un’area shopping dove acquistare classici souvenir e prodotti artigianali dell’isola.

Non perdete, inoltre, il panoramico Parque Mirador, il coloratissimo Mercato Modelo e la suggestiva Grotta dei Tre Occhi. Regina di Santo Domingo è, infine, la costa, dove si trovano quelle che, internazionalmente, sono ritenute le spiagge più belle al mondo.

Nella zona del litorale o nel centro storico della città troverete numerose strutture alberghiere. Non avrete problemi, dunque, ad organizzare il vostro soggiorno anche perchè le promozioni vacanze a Santo Domingo sono numerose e molto convenienti. Non dovrete fare altro che prenotare, tramite web, un biglietto aereo e un posto in hotel. Le meraviglie della Repubblica Dominicana vi stanno aspettando.

Colori naturali, una soluzione semplice ed ecologica per dipinti naturali

logoComplice la sensibilità sempre più diffusa nei confronti della natura e del rispetto dell’ambiente, sono sempre di più le persone che al giorno d’oggi si avvicinano al mondo del riciclo, del riuso di vecchi oggetti per crearne di nuovi e funzionali o che cercano soluzioni naturali per arredare la propria casa.

Uno tra questi è senza dubbio quello di dipingere le pareti delle nostre stanze servendosi di colori naturali, che non inquinano e che non contengono sostanze che, alla lunga, potrebbero rivelarsi tossiche o nocive.

I colori naturali hanno dalla loro una grande caratteristica positiva, che è quella di essere, appunto, colori che non presentano gli stessi elevati livelli di tossicità delle vernici che comunemente vengono utilizzate per le pitture: ciò rende i colori naturali utilizzabili anche dai più piccoli, e questo è sicuramente un vantaggio in quanto, in questo modo, si intensifica la sensibilità all’amore ed al rispetto per la natura permettendo ai bambini di giocare e di divertirsi, al contempo sbizzarrirsi nella creazione dei loro “dipinti” e disegni.

I colori naturali possono essere creati utilizzando diverse risorse presenti in natura; grazie a queste risorse naturali possiamo creare non solo dei colori che ci permetteranno di dipingere, ma anche dei coloranti alimentari che invoglieranno i nostri bambini a mangiare, con fantasia e divertimento.

Tra queste risorse spicca senza dubbio la barbabietola: di colore rosso vivace, essa può essere frullata insieme a sale grosso ed acqua calda, per ottenere una simile pittura della stessa consistenza dei classici acquerelli.

Il peperone, i petali dei fiori, le foglie, sono altre risorse naturali che ci permettono di creare dei perfetti colori naturali per i nostri quadri e dipinti e le nostre tele.

Se vogliamo creare, invece, dei coloranti per alimenti, libero spazio allo zafferano, alla curcuma, i lamponi congelati, l’avocado e mirtilli o more congelate: frullati o ridotti in acqua, questi alimenti possono trasformare i nostri piatti in un trionfo di colori.

Inseminazione artificiale per combattere l’infertilità di coppia

logoIl problema dell’infertilità – sia essa maschile o femminile – sta diventando, nel corso degli anni, un ostacolo di portata sempre più vasta per tutte quelle che coppie desiderose di formare una famiglia.

Sono dati allarmanti, quelli delle ultime statistiche, che attestano percentuali di infertilità molto importanti, tra il 15 e il 20%, percentuali che non tendono a diminuire ma che addirittura, nel corso degli anni stanno notevolmente aumentando.

Colpevole sembra essere soprattutto lo stile di vita dell’individuo medio, ma all’infertilità di coppia concorrono altri fattori, che possono essere determinati anche da situazioni genetiche, da malattie come l’endometriosi, e dall’assunzione di medicinali che possono indurre sterilità temporanea o permanente a seconda del loro principio attivo.

I metodi per combattere l’infertilità variano a seconda della sua temporaneità o permanenza: il più comune – per persone temporaneamente sterili – è senza dubbio l’assunzione di ormoni, ma una scelta importante per combattere la sterilità è l’inseminazione artificiale.

Si tratta di una procedura medica molto importante, che nel corso degli anni ha ottenuto numerosi successi e che ha cambiato la vita di moltissime coppie: attraverso l’inseminazione artificiale, una donna ha possibilità importanti di concepire un figlio per mezzo della fecondazione assistita.

L’inseminazione artificiale, lo ricordiamo, è un metodo terapeutico abbastanza invasivo dal punto di vista psicologico: è importante, per questo motivo, che la coppia venga sostenuta e affiancata da uno psicologo o da un terapeuta che li aiuti ad affrontare al meglio questo percorso terapeutico.

Organizzazione matrimonio: trattamenti bellezza ed estetici per la sposa

logoOrganizzare un matrimonio richiede tempo, pazienza e tanta determinazione, anche quando si parla di estetica del corpo.
Per evitare di imbattersi in delusioni o imperdonabili distrazioni è consigliabile fare un elenco dettagliato in stile calendario che farà da guida giorno dopo giorno fino alla data delle nozze.

1- Strutturare un programma di bellezza ad hoc per arrivare bellissime al giorno delle nozze senza correre il rischio di dimenticare qualcosa.
E’ necessario iniziare a pensarci qualche mese prima per poi riservare gli ultimi giorni al riposo e, magari, a qualche trattamento distensivo extra.

2- Ci sono regole generali di base da seguire per arrivare in perfetta forma fisica.
E’ bene iniziare con il controllo dell’alimentazione scegliendo cibi leggeri, mangiando molta frutta e verdura; ne beneficeranno il corpo, la pelle e i capelli.
Evitare fritture, cioccolato e pietanze elaborate, nonché eccessi di qualsiasi tipo, in particolare nell’ultima settimana.

3- Se, in vista del gran giorno, indossare un abito favoloso richiede una dieta professionale per perdere i chiletti di troppo, è consigliabile rivolgersi a un dietologo che con un programma personalizzato farà sì che la sposa arrivi all’obiettivo senza danni alla salute.

4- Andare in palestra se possibile, o più semplicemente far del movimento camminando almeno mezz’ora al giorno, approfittare per fare commissioni giornaliere proprio per l’organizzazione del matrimonio, magari insieme a un’amica o alla mamma, evitando l’auto il più possibile.

5- Anche farsi aiutare e consigliare dai propri cari può significare risparmiare tempo e potersi quindi concedere qualche pausa, magari per fare un bagno rilassante con oli essenziali, così da evitare l’accumulo di stress e recuperare forza, rilassatezza ed energia, che si rifletteranno inevitabilmente in modo positivo sull’aspetto fisico.

6- Il viso è la zona del corpo che più risente delle variazioni climatiche, delle tensioni e della fatica accumulatesi nel corso dei preparativi, rendendo ben visibili i segni della stanchezza.
Per compensare almeno in parte tutto ciò è bene ridurre o eliminate il caffè e bere almeno un litro d’acqua al giorno.

7- La cura quotidiana del viso e del collo è basilare: pulire la pelle con il latte detergente, accompagnato da un tonico e da una crema idratante la mattina, che protegga la pelle dagli agenti esterni come smog, sole e freddo. La sera applicare invece una crema antirughe.

8- Occorre tempo per assicurarsi una pelle luminosa e perfetta: è bene quindi iniziare i trattamenti con molto anticipo effettuando maschere idratanti, rinfrescanti, tonificanti tenendo conto del tipo di pelle, da applicare almeno una volta a settimana.

9- Nonostante le maschere si possano acquistare in erboristeria, in profumeria o in farmacia, per un risultato più completo ci si può rivolgere ad un centro estetico di fiducia per sottoporsi anche a sedute di epilazione del viso o a un trattamento esfoliante per evitare imperfezioni come brufoli, punti neri o macchie solari.

10- Per quel che riguarda il corpo è consigliabile il peeling, l’epilazione seguita da creme e maschere idratanti, in modo da evitare così rossore e irritazione.
Volendo ci si può sottoporre ad alcune sedute di lampada abbronzante, ma senza esagerare: la sposa deve essere sempre elegante e quindi avere un colorito naturale.

Chi vuole sentirsi al meglio con il proprio corpo può scegliere inoltre trattamenti come massaggi drenanti, rimodellanti ecc.

Essendo la protagonista assoluta di un giorno così speciale, ogni sposa desidera esibire una pelle perfetta al suo matrimonio. Curare il corpo e l’aspetto fisico non significa necessariamente ricorrere a trattamenti miracolosi ma a costanti accorgimenti che pian piano nel tempo riusciranno a soddisfare appieno le aspettative.

Viaggio in barca a vela: itinerari naturali in Grecia

Una vacanza alla scoperta del mare degli dei

Un viaggio in barca a vela verso un mare blu, in tinta con le tipiche case delle sue isole, disperse l’una dall’altra, quasi a formare una macchia informe in grado di evocare emozionanti sensazioni. Grecia in vela accompagna da anni in giro per le Isole del Dodecaneso e delle Cicladi diversi gruppi di amici, conoscenti, innamorati, grazie a Plenis Velis, il charter dai 14,2 metri di lunghezza in grado di fornire alte prestazioni, guidato dallo skipper nonché ufficiale di coperta Jacopo. Attraversare l’Egeo non è mai stato tanto emozionante.

Con partenze previste tutte le settimane da giugno a settembre, nel pieno della stagione calda, dai porti di Paros o di Kos, Grecia in vela regala emozioni continue ai suoi passeggeri. Dall’osservazione degli spazi incontaminati delle Isole, alle loro coste, passando per tradizioni, usi e costumi di una civiltà contaminata da svariate dominazioni nel corso dei secoli. Infatti, le Isole degli arcipelaghi dell’Egeo sono state visitate da diverse civiltà: basti pensare al passaggio dei crociati, all’insediamento turco e a quello italiano e solo in ultima istanza alla Grecia. Ricca di storia e di castelli, oltre ai templi, tra le più rinomate caratteristiche località, certamente il Castello di Kos è da visitare, magari nel periodo della sagra d’agosto.

Il periodo estivo è certamente il migliore per visitare le Isole dell’arcipelago dodecanesiano, assieme alla Cicladi, date anche le temperature favorevoli e il Meltemi, il vento secco e leggero dell’Egeo.

Viaggio in barca a vela, itinerari naturali Grecia

Viaggio in barca a vela, itinerari naturali Grecia

Accompagnati inoltre dallo skipper Jacopo, il viaggio in barca a vela apparirà ancora più costruttivo e invitante. Scopritore dei venti e dei mari già da piccolo, all’età di 17 anni comincia la propria carriera in mare come istruttore di windsurf e solo dopo pochissimo tempo, una volta ottenuta la patente nautica, Jacopo si butta a capofitto nella barca a vela e nella sua vita. Dopo la specializzazione come perito marittimo, un altro grande risultato è stato da poco ottenuto: ufficiale di coperta. Chi meglio di Jacopo può aiutarvi nella scoperta dell’Egeo? D’altronde il suo motto è : “non esiste fatica che non sia ripagata dal profumo del mare e dal soffio del vento che spinge le vele.

Tra le tante possibilità offerte da Grecia in Vela inoltre, vanno ricordate le mini crociere speciali, dedicate agli amanti dello yoga e del benessere, dell’abbinamento mare e terra e ai single. Con l’aiuto di maestri esperti di yoga e abili massaggiatori infatti sarà possibile usufruire dei pacchetti yoga e benessere, in cui direttamente su una calda spiaggia greca, o a bordo del charter sarà possibile godere dei vantaggi di una vacanza all’insegna del benessere; Mare&terra è l’alternativa ideale per chi vuole combinare un periodo in mare a qualche giorno sulla terra ferma; il pacchetto single infine è l’ideale per i gruppi di amici appassionati di viaggi in solitario, ma anche per chi vuole incontrare nuove sfide per sé e per i propri compagni. Ogni viaggio in barca a vela sarà organizzato dallo skipper a seconda delle esigenze di tutti i partecipanti.

Entra nel sito Greciainvela.it per consultare le offerte last minute!

Il web è la nuova frontiera delle profumerie

Il web sta diventando per davvero la nuova frontiera per quanto riguarda l’esposizione dei prodotti di qualsivoglia genere e la loro conseguente vendita. Questa cosa vale anche per il settore merceologico che fa capo allelogo profumerie. Stiamo assistendo infatti a un proliferare di aziende che espongono sul web i loro prodotti, profumeria on line di qualità e di alta cosmesi. Molte aziende scelgono questa formula di vendita anche per un discorso di abbattimento dei costi, con degli indubbi vantaggi per i consumatori, perché i prodotti pur essendo di marca, di buona qualità, sono offerti alla clientela a prezzi concorrenziali, quindi c’è la possibilità di fare dei buoni affari, anche perchè le aziende che vendono prodotti di profumeria on line sono davvero tante e dunque per stare sul mercato, sono “costrette” in positivo ad offrire un buon servizio alla clientela, sia per quello che riguarda il prezzo che il servizio complessivo che viene offerto alla clientela.

Maschili, Femminili, da Bimbo

Di solito i prodotti sono raggruppati per categorie, si parte dai profumi moderni, come il profumo da donna, profumi per uomo, profumi per bambini, Atkinsons & i coloniali, cofanetti regalo, poi si va nei profumi vintage, cofanetti regalo Mignon and parfum, la linea make Up, in cui troviamo le marche della migliore qualità come Lancome, Helena Rubistein, L’Oreal. Insomma le profumerie che si trovano on line, offrono una vasta gamma di prodotti che coprono tutto il settore della “bellezza”, chiamiamola così, dell’estetica e della cura della propria persona. Infatti molte aziende mettono in vendita sui propri siti i migliori prodotti che fanno riferimento al trattamento donna, al trattamento uomo, alla Trusse e accessori, ai prodotti per capelli fino ad arrivare al settore merceologico della valigeria e della pelletteria, come trolley e valigie, cartelle 24-48 ore, accessori. Nonostante la crisi, il settore della profumeria e della cosmesi non conosce declino, gli italiani spendono molto per la cura della propria persona e questo fatto non riguarda solo le donne, ma anche gli uomini.

Come scoprire di essere incinta

logoMolte donne sentono di essere incinte già dal momento del concepimento, mentre altre hanno un ciclo mestruale così irregolare che anche un lungo ritardo non le preoccupa né fa loro pensare a una possibile gravidanza. Di solito, per la maggior parte delle donne, il primo segno di una gravidanza in corso è l’assenza di mestruazioni.

Cinque giorni di ritardo fanno in genere pensare inizialmente a un errore nei conti. Perfino chi ha l’abitudine di segnare la data sull’agenda qualche volta dubita di aver scritto la data giusta. Allora se ne sta a letto senza poter chiudere occhio, rifacendo mentalmente il calcolo, cercando riferimenti utili, come per esempio la visita di un parente o la conclusione di un lavoro. Passano altri tre giorni e si fa luce la realtà: la gravidanza. Naturalmente non è ancora certo se siete o no incinte. Quando conviene andare dal dottore e quando potrete finalmente esserne sicure?

QUANDO FARE LA DIAGNOSI

Sino a poco tempo fa si usava andare dal dottore dopo aver saltato due cicli. Oggi è invece possibile sapere se siete incinte senza aspettare la scadenza del secondo ciclo. È durante queste poche settimane, prima che la gravidanza sia confermata e quando l’embrione non supera la grossezza di una nocciola, che si formano la maggior parte degli organi del corpo e il cervello: quindi, prima saprete, più presto potrete prendervi cura di voi stesse e del vostro bambino.

Diagnosticare subito la gravidanza è molto importante soprattutto per chi assume medicinali. Dovrete infatti evitare di ingerire medicine che potrebbero in qualche modo danneggiare lo sviluppo del bambino. Inoltre, è utile saperlo subito anche per altre ragioni pratiche, per esempio se avete in programma un viaggio all’ estero oppure un trasloco.

Se volete interrompere la gravidanza è essenziale diagnosticarla precocemente: un’interruzione a otto settimane è di gran lunga più sicura e meno traumatizzante che non a dieci settimane.

COME FARE LA DIAGNOSI

La gravidanza può ora essere diagnosticata circa due settimane dopo il concepimento, il giorno stesso in cui avreste dovuto avere le mestruazioni, tuttavia si possono ottenere risultati più precisi aspettando almeno altri quattro giorni (il che può non essere facile, specialmente se vi sentite preoccupate o nervose). Quando una donna è incinta, l’embrione immette nella sua circolazione sanguigna un ormone, la gonadotropina corionica umana (HCG). Questo può essere individuato tramite un esame delle urine già sei giorni circa dopo il concepimento, ma il tasso di concentrazione aumenta rapidamente, raddoppiando ogni due o tre giorni fino a raggiungere l’apice circa 60 giorni dopo il concepimento, cioè 74 giorni dopo l’inizio dell’ultima mestruazione. La presenza di questo ormone viene individuata nell’urina o nel sangue attraverso un semplice esame di laboratorio.

A differenza dei test e diagnosi prenatale come villocentesi e amniocentesi, se preferite, potete eseguire il test a casa usando una delle apposite confezioni in vendita nelle farmacie (vedi oltre). Qualunque sia il metodo scelto, raccogliete la prima urina del mattino a digiuno e senza aver bevuto durante la notte, poiché è proprio in questo momento che l’urina contiene la concentrazione più alta dell’ormone della gravidanza.

Se fate il test di gravidanza da sole.

Esiste una serie di prodotti differenti sul mercato, ma tutti sono basati sullo stesso procedimento: versare una o due gocce di urina nel preparato chimico del test.

In caso di gravidanza, la presenza di gonadotropina nell’urina causerà reazioni diverse a seconda del prodotto: coagulazione, cambiamento di colore, ecc.

Sempre a seconda del preparato potete fare il test da uno a quattro giorni circa di distanza dalla mancata mestruazione; è necessario comunque sere certe della data esatta di inizio del ciclo mestruale.

Alcune donne notano leggere tracce di sangue l0 o 12 giorni dopo la fecondazione. Queste non sono da considerare autentiche mestruazioni e la gravidanza va fatta risalire alla data dell’ultima vera mestruazione.

Se il risultato è negativo e le mestruazioni non si manifestano dopo pochi giorni, ripetete il test.

Può darsi che il concepimento si sia verificato più tardi di quanto risulta dai vostri calcoli e che al momento del primo test la percentuale di ormone nelle urine non fosse sufficiente a segnalare la gravidanza. Se le vostre mestruazioni sono irregolari o molto distanziate, le possibilità di un responso sbagliato aumentano. Nel caso di forse un concepimento su dieci, l’uovo fertilizzato non riesce a insediarsi nell’utero. In questo caso, un test di gravidanza vi darà un risultato positivo, ma un altro test effettuato alcuni giorni dopo darà un risultato negativo. Alcuni prodotti raccomandano di attendere sempre da tre a cinque giorni prima di ripetere il test.
A questo scopo, molte confezioni contengono due preparati chimici, in previsione della ripetizione dell’ esame.

Se andate dal medico vi farà fare un test di gravidanza e vi sottoporrà a una visita vaginale. Dopo aver infilato un guanto di gomma, il medico introdurrà due dita nella vagina il più profondamente possibile, mentre con l’altra mano premerà l’addome sul punto esatto dove si trova la parte superiore dell’utero. Se sono passate sei settimane dal primo giorno dell’ultima mestruazione, egli sentirà che l’utero è più morbido e che si è anche leggermente ingrossato. Il collo dell’utero o cervice, che protende nella vagina, è avvertito come più compatto della parte inferiore dell’utero e ha una consistenza paragona bile a quella della punta del naso. Questo mutamento interno è conosciuto sotto il nome di “segno di Hegar”. La visita può risultare poco piacevole ma non è dolorosa.

Quando il medico introduce le dita, espirate a lungo e lentamente con la bocca, e continuate a respirare il più lentamente possibile.

Cause e cure per la calvizie femminile

La logo è un problema che, a differenza di quanto si pensi, è piuttosto diffuso. Si calcola che almeno una donna su quattro abbia problemi legati alla caduta dei capelli e le cause possono indubbiamente essere molteplici.
Il primo fattore è indubbiamente quello genetico, tuttavia sono diversi i fattori che portano questo problema, alcuni individuali altri comuni.

Tra questi troviamo Deficit di ferro, Sindrome policistica ovarica, Squilibrio degli ormoni tiroidei, Diete squilibrate, Post-gravidanza, Menopausa, Malattie croniche, Tricotillomania, Stress psicologico ed emotivo, Interventi chirurgici, Episodi febbrili, Ipertiroidismo.
Fortunatamente al giorno d’oggi ci sono diverse cure per la calvizie femminile, ma per capire effettivamente quale possa essere quella più indicata, è necessario analizzare i singoli casi.
La calvizie femminile può raggiungere, come in quella maschile, una riduzione del 60% dei capelli.
Nell’uomo di solito la zona interessata è quella delle tempie, della fronte e della regione occipitale, mentre nella donna la calvizie si manifesta in zone più diffuse e ampie.

Solitamente le donne maggiormente colpite sono quelle in menopausa, e le ragazze intorno ai 18-20 anni.
Tra le varie cure per l’alopecia femminile possiamo trovare l’autotrapianto dei capelli, ovvero una particolare tecnica che consente di prelevare i follicoli dalla zona più ricca di capelli e impiantarli in quella più povera.
In alternativa esistono soluzioni non chirurgiche come la bSBS, ovvero uno speciale trattamento che consente di riattivare i follicoli nel caso in cui il bulbo non sia atrofizzato ma ancora attivo.

Igiene orale nei bambini: come comportarsi?

logoTroppo spesso l’igiene orale dei bambini viene sottovalutata in quanto, si pensa, che trattandosi di denti provvisori si possa procedere con un’attenzione minore, senza subirne grosse conseguenze.

Come invece potrà confermarvi un qualunque dentista esperto e preparato, non c’è niente di più sbagliato (per maggiori info sull’igene orale www.dottororru.com.

Insegnare ai propri piccoli l’importanza di una corretta igiene orale è un vero e proprio investimento per il suo futuro, dal momento che tutti sappiamo quanto possa essere costoso e doloroso recarsi dal dentista.

Per avvicinare il vostro piccolo ad una serie di procedimenti che potrebbero risultare noiosi, potreste trasformare il tutto in un qualcosa di divertente da fare insieme, lavandovi magari i denti con lui, scegliendo uno spazzolino sfizioso, un dentifricio dal sapore goloso e così via.

Tra i comportamenti più corretti diciamo che dovreste ricordarvi di lavare i denti almeno due volte al giorno, usando possibilmente un dentifricio al fluoro in grado di rimuovere la placca.

Fare attenzione alla dieta ed evitare alimenti troppo zuccherosi o ricchi di amido, i quali provocano la formazione della placca e quindi della carie. Fate attenzione ai prodotti scelti per l’igiene orale, ricordando di selezionare un dentifricio al fluoro e portate il vostro piccolo ad una visita di controllo almeno una volta ogni sei mesi.

Sottovalutare questi aspetti sarebbe decisamente poco salutare per la salute del cavo orale dei vostri figli, in quanto potrebbe riempirsi di batteri, capaci di minare i denti permanenti che andranno a spuntare. Senza dimenticare che la carie può provocare anche una caduta precoce dei denti decidui e quelli permanenti potrebbero crescere storti e male allineati.

Oltre alla componente del gioco, dovete insegnare ai vostri piccoli come si usa correttamente lo spazzolino: mettendo poco dentifricio, scegliendo delle setole morbide ed effettuando i giusti movimenti su ogni arcata, in senso verticale per la parte esteriore e in senso orizzontale all’interno.

Mettendo in pratica questi pochi e semplici consigli farete un grosso regalo ai vostri bambini, insegnandogli quanto sia importante l’igiene orale e la prevenzione, per una cura costante ed assoluta dei propri denti.

Vestiti premaman

logoGeneralmente la parte più “spaventosa” della gravidanza, per una donna, è l’aumento di peso e quindi il cambiamento del proprio fisico. Ciò porta all’impossibilità di poter indossare gli abiti che si preferiscono e dover passare per forza ai vestiti premaman che si, a volte sono molto carini, ma già solo decidere di indossare qualcosa che sia al di fuori della propria concezione di abbigliamento da un po’ fastidio. Ma durante la gravidanza si ha l’assoluta necessità di stare comodi e l’utilizzo di tessuti naturali è preferibile. Comunque non è per forza necessario comprare esclusivamente abiti premaman spendendo tantissimi soldi, soprattutto considerando che verranno indossati per un periodo molto breve.
Di seguito troverete alcune regole che vi aiuteranno a comprare in maniera intelligente senza spendere tanto:
I leggins sono un ottimo capo pass- partou poiché vanno tranquillamente abbinati a vestitini larghi e maglie lunghe e sono di una comodità estrema e adatti anche per andare in ufficio.
I pantaloni classici devono essere acquistati quasi agli ultimi mesi di gravidanza, quando la pancia è ad uno stadio avanzato. Comprare pantaloni di taglie troppo grandi non è utile poiché saranno troppo grandi di gambe e quindi sarebbe meglio acquistare pantaloni della propria taglia da utilizzare anche i primi periodi dopo il parto.
Purtroppo quando la pancia crescerà sarà necessario comprare anche la biancheria apposita e mettere da parte micro slip. Sarete molto più sicure e comode con slip di cotone abbastanza grandi e che vi fasceranno e sosterranno. I reggiseni dovranno necessariamente essere più grandi poiché il seno crescerà a dismisura e poi passerete ai reggiseni per allattare.
Uno dei problemi più grandi sarà il cappotto poiché quando la pancia crescerà sarete costrette a comprarne uno premaman se non volete lasciare la pancia scoperta. Magari compratene uno con l’elastico dietro la schiena in modo che vi darà una certa forma. Se però non fa troppo freddo potete anche optare per una mantella di lana che utilizzerete anche dopo il parto.