Estrazione dei denti del giudizio, rischi e sintomi

L’estrazione dei denti del giudizio è ormai considerata un’operazione di routine, questo però non vuol dire che sia un’operazione poco rischiosa, anzi, è una delle operazioni con più lunga convalescenza.

I denti del giudizio, deovono il loro nome al fatto che spuntano, generalmente, in tarda età. Si inizia a parlare di eruzione dei denti del giudizio tra i 20 e i 40 anni, per questo motivo spesso rischiano di compromettere l’architettura dentale, ormai stabile, e necessitano di essere estratti.

Per i più fortunati, invece, può capitare che questi ultimi denti non si presentino proprio, rimanendo per sempre inglobati nella gengiva.

Perchè vanno estratti

Ci sono diversi casi in cui è necessaria l’estrazione dei denti del giudizio o di uno solo dei quattro.

Andiamo a vedere quali sono:

  • Asse di crescita storto, ovvero quando il dente nasce per orizzontale o per obliquo. In questo caso, è consigliabile un’estrazione piuttosto che untentativo di correzione
  • Carie: a causa della loro posizione arretrata, i denti del giudizio sono i più difficili da pulire quindi sono soggetti a gravi casi di carie, che possono compromettere anche i nervi o denti vicini.

In questo caso si consiglia u’estrazione immediata

  • Quando si sta per mettere l’apparecchio, se è necessario recuperare dello spazio

Ovviamente, l’estrazione è veramente neccessario solamente all’estremo di questi casi, altrimenti basta tenere la disfunzione sotto controllo.

Rischi d’estrazione e sintomi post operazione

Anche se ormai, viene considerata un’operazione piuttosto semplice, l’estrazione dei denti del giudizio porta con se i suoi rischi, che non sono da poco.

Quello più comune è la perdita di sensibilità del nervo alveolare, causata dall’anesetesia locale. Questa dinamica, chiamata parestesia, potrebbe risultare molto antipaca, sebbene, per fortuna, non sia delle più frequenti. Infatti non solo si rischia di perdere la percezione del sapore, ma anche delle involontarie perdite di saliva.

Per quanto riguarda i sintomi post operazione, i più generali sono dei fastidiosi accessi, con conseguente gonfiore delle guance e un forte dolore alle gengive.

Questi sintomi si curano tramite sciacqui con acqua ossigenata e disinfettante per evitare pus e infezioni di vario genere.

Per i primi tempi, inotre, è del tutto sconsigliato mangiare cibi difficili da masticare, piccanti o troppo speziati.