Crespaia, un viaggio nel gusto fra sogno e realtà

Siete in viaggio nelle Marche e avete voglia di conoscere la natura più autentica e genuina di questa terra? Niente di meglio che fare una gita nell’azienda vinicola Crespaia, per assaggiare i vini più pregiati che si producono in zona, ma anche per immergersi in un posto incantevole, dove il tempo sembra essersi fermato.

Trovate quest’azienda a Fano (località Centinarola), nella provincia di Pesaro-Urbino, sulle pendici dell’antico Prelato. La cantina, attiva dal 2011, è collocata in una punto strategico, a picco fra l’azzurro del mare e il verde delle campagne circostanti, fra gli ulivi e le colline che abbracciano Fano. Da questa posizione privilegiata è nato il nome “Crespaia”, che reca in sè l’energia delle increspature del mare e quella dell’aia, da sempre luogo d’incontro e di scambio.

Qui i proprietari dell’azienda hanno deciso di portare avanti la preziosa tradizione enologica marchigiana, servendosi di 5 ettari di vigneti e producendo annualmente 350 quintali di uva e 30.000 bottiglie di vino. Qui nascono in particolare due etichette simbolo delle Marche in Italia e nel mondo: il Bianchello del Metauro DOC e il Colli Pesaresi Sangiovese DOC. Il primo è un vino bianco dal profumo delicato e caratteristico e dal sapore fresco e armonico. Il secondo è un rosso fruttato e vinoso, dal sapore armonico e gradevolmente tannico. Potete degustarli in azienda, magari prenotando una visita nella cantina, e decidere di acquistarne una confezione da 3 o da 6 bottiglie (75 cl), anche con la possibilità di spedizione direttamente a casa vostra. Oltre ai vini, sono in vendita un’ottima grappa, lungamente affinata in barrique, e un delizioso olio extravergine d’oliva (varietà: Raggiola, Leccino, Mignola, Ascolana) di media leggerezza.

Crespaia, Azienda agricola Pesaro

Quella dell’azienda Crespaia è una scelta precisa di qualità e rispetto delle materie prime. Basti pensare che i grappoli d’uva sono raccolti a mano e adagiati in piccole cassette, così da scegliere i prodotti migliori e conservarli integri. Inoltre, sulla scia di recenti studi dell’Australian Wine Research Institute, si è deciso di vendere i vini in bottiglie leggere e chiuse con tappi a vite, per preservare tutte le qualità aromatiche e allo stesso tempo rispettare l’ambiente. E ancora, nei vigneti Crespaia si utilizza il metodo di potatura Guyot, ideale per il terroir e per il tipo di vitigni coltivati. Anche l’esposizione a sud, infine, è una condizione ideale per lo svuluppo e la maturazione dell’uva.

Insomma, in questo posto sospeso fra terra e mare si può assaporare il meglio della tradizione vinicola marchigiana e godere dell’incanto di un territorio dotato di mille sfaccettature tutte da scoprire.

Clicca qui per entrare su Crespaia.it