Archive for: maggio 2014

Soluzione alla secchezza delle abitazioni: gli umidificatori

logoQuando le nostre abitazioni sono eccessivamente secche e calde avviene che le mucose del naso perdano la loro viscosità, agevolando in questo modo l’insidiarsi di batteri nocivi. Ciò avviene soprattutto nei periodi invernali, quando i termosifoni accesi e gli infissi chiusi, fanno sì che in casa si crei un microclima dannoso per il benessere generale di tutta la famiglia.

Per migliorare l’aria nelle nostre abitazioni è necessario mantenere la temperatura tra i 18°C e i 20°C e cercare di mantenere correttamente umidificato l’ambiente che ci circonda. Per farlo possiamo ricorrere agli umidificatori. Ne esistono numerose tipologie e con caratteristiche molto diverse tra loro. Le ceramiche colme d’acqua da posizionare sui termosifoni non sono ideali, in quanto non mantengono un grado di umidità costante nell’ambiente.

Gli umidificatori elettrici invece sono ideati a questo scopo e lo svolgono correttamente. Ve ne sono di vario genere, da quelli a caldo a quelli a ultrasuoni, in base alle soggettive preferenze e necessità. Le caratteristiche che deve avere un buon umidificatore in generale sono: la praticità e la facile manutenzione, ovvero si devono poter lavare e trasportare con estrema semplicità; la silenziosità, in modo da poter essere adoperati anche di notte senza infastidire; lo spegnimento automatico una volta terminata l’acqua al loro interno, in modo che non si bruci il meccanismo; la qualità dei dispositivi, che devono essere realizzati con materiali atossici per evitare la dispersione di sostanze tossiche insieme al vapore.

Gli umidificatori Flaem sono un ottimo esempio di qualità: tutti i dispositivi vengono infatti prodotti interamente in Italia con un totale controllo da parte della casa produttrice sia per quanto riguarda le logiche di produzione che per quanto riguarda la trasparenza e la rigorosa osservanza alle norme di controllo Italiane ed Europee.

5 semplici regole per smettere di fumare

logoVuoi smettere di fumare? Non pensare di riuscirci così, per un colpo di genio, affidandoti all’estro piuttosto che ad un sistema da seguire. No, non vogliamo spacciarti uno dei sedicenti sistemi miracolosi per liberarsi dalla dipendenza da nicotina, ma farti capire, da ex-fumatori, che quello di cui avrai bisogno per smettere è tanta costanza.

Costanza nel seguire le regole per smettere che abbiamo messo insieme riassumendo i cammini che ci hanno portato a tornare non-fumatori, e a guadagnarci quel tanto sospirato “ex” prima di fumatore che oltre ad essere un vanto personale, è anche simbolo del nostro ritorno ad una vita in salute.

Seguire le regole può essere noioso, e sicuramente in questo caso difficile. Ma non potrai fare altrimenti. Quindi mettiti sotto e dopo aver letto attentamente deciditi di mettere in pratica quanto avrai imparato da chi ci ha provato prima di te e, lo diciamo con un pizzico di orgoglio, ci è anche riuscito.

Prima regola: tenere un diario dei nostri progressi

Il 95% delle persone che provano a smettere dall’oggi al domani falliscono. Il nostro consiglio è quello di ridurre gradualmente, e di appuntare i progressi su una agenda o su un diario.

I vantaggi sono due: da un lato potrai tenere sotto controllo la riduzione del numero di sigarette che fumi ogni giorno, dall’altro potrai prendere coraggio grazie ai risultati già ottenuti.

Seconda regola: devono saperlo tutti

Hai deciso di smettere di fumare? Fallo sapere a tutti. Il motivo è semplice da capire: se i tuoi amici e i tuoi cari sapranno che stai smettendo di fumare, ti aiuteranno. Saranno con te nei momenti difficili e scateneranno uno dei più forti sentimenti che un uomo può provare: la vergogna.

Di che vergogna parliamo? Di quella di abbandonarsi ad una sigaretta dopo aver promesso di smettere. È dura, ma funziona. È molto più difficile accendersi una sigaretta se sappiamo di ferire gli altri, se sappiamo di dare un dispiacere alle persone che ci amano e che erano felici del nostro proposito di smettere di fumare.

Terza regola: trova un modo per rimpiazzare l’abitudine della sigaretta

La sigaretta è prima di tutto una abitudine, una gestualità alla quale è difficile sottrarsi. Puoi risolvere il problema trovando qualcosa che riempia quei momenti morti in genere riempiti dalla sigaretta.

Mangia una caramella, oppure dedicati ad un giochino sul tuo smartphone, oppure fai una camminata di 10 minuti vicino casa. Devi solo trovare quello che funziona, e sarà la tua arma finale contro la perniciosa abitudine della sigaretta.

Quarta regola: amici che non fumano o che hanno smesso di fumare

L’abitudine della sigaretta fuori dal locale è un appuntamento sociale al quale è difficile sottrarsi. La soluzione?

Prediligi gli amici che non fumano per andare a cena, o trova qualche interesse in comune con chi rimane al tavolo invece di correre fuori dalla porta del ristorante non appena ci siano 2 minuti per mangiare.

Quinta regola: convinciti da solo

La quinta regola, quella che chiude la nostra rassegna, è mutuata dalle tecniche di self-improvement dei guru americani. Scrivi una lista di buoni motivi per smettere di fumare (ce ne sono davvero tanti, non dovresti avere difficoltà) e attaccala ovunque tu spenda il tuo tempo: vicino al computer, sullo specchio del bagno e vicino al tuo tavolo da lavoro. Sarà lì a ricordarti perché non devi mollare, e perché vuoi smettere di fumare.

Il problema, ce lo dice chi ha smesso di fumare, non è superare le crisi di astinenza da nicotina, ma ricordarsi sempre che il piacere di una sigaretta non vale assolutamente la candela.

Avrai tante buone motivazioni per smettere di fumare se sei arrivato su questo articolo, anche se nonostante la bontà di queste motivazioni potresti rinunciare a fare quello che è giusto (smettere di fumare), ottenebrato dal piacere fugace (e che pagherai a caro prezzo) di qualche sbuffata di fumo.

Fatti ricordare dalla tua lista perché vuoi smettere, anzi, perché devi smettere, e avrai la forma mentis giusta per diventare un ex-fumatore, proprio come chi ti sta parlando adesso.

Smettere è facile se lo vuoi, e la responsabilità dei tuoi fallimenti deriva non dal potere della sigaretta, ma dalla tua scarsa volontà di smettere. Ce la puoi fare anche tu, proprio come noi.

Costumi da bagno e abbigliamento estivo: tessuti e etichette per una scelta corretta

logoL’estate, è ormai alle porte ed è tempo di scegliere l’abbigliamento estivo e il pezzo forte dei mesi caldi: il costume da bagno.

Per scegliere il costume più adatto alle tue esigenze, devi osservare attentamente le etichette poste su di esso, in questo modo potrai provare la soluzione migliore e il tessuto più adatto.

La storia dei costumi da bagno passa attraverso una lunga strada, cominciando dai tempi in cui essi erano confezionati con della lana pesante. Oggi prevedono varie scelte nel tessuto, che può includere nylon, poliestere, spandex e cotone.

In relazione alla composizione e ai tessuti di questo tipo di abbigliamento, si rende veramente necessario approfondire il tutto sulle etichette e cartellini dell’abbigliamento estivo, in quanto saranno presenti informazioni molto utili al fine di capire non solo la qualità del capo d’abbigliamento, ma anche l’effettiva corrispondenza alle nostre esigenze pratiche in estate, ad esempio sulla spiaggia o in piscina. Andiamo a vedere più nel dettaglio i tessuti utilizzati in questo ambito.

Tessuti dell’abbigliamento estivo

Per rendere un’idea approssimativa di tali tessuti, cominceremo dal cotone. Questo non è particolarmente adatto per un costume da bagno, poiché non resistono al cloro e difficilmente raggiungono la figura sagomata. Si presentano meglio se sono aggiunti ad altri tipi di tessuto che li rendono più elastici tuttavia, se possibile, va scelto un altro tessuto.

Il poliestere non è molto popolare nei costumi da bagno, assomiglia molto al nylon ma non è così leggero e resistente. Per sentirvi alla moda, potrete certamente averne uno a disposizione ma se possibile, scegliete un altro tessuto come il nylon o lo spandex.

Il nylon è certamente in numero uno in questioni di costumi da bagno e abbigliamento estivo grazie alle sue qualità che lo rendono unico per fare il bagno: è leggero, calza perfettamente sul corpo, è molto resistente, assorbe poca umidità e si asciuga in modo molto veloce. Lo svantaggio è che non è molto resistente al sole e si rovina piuttosto presto. Ma in vantaggi come abbiamo visto sono innumerevoli.

Lo spandex, chiamato anche Lycra, è perfetto per i costumi da bagno perché la sua elasticità è impareggiabile e tende a modellare il corpo e a sagomarlo facendolo apparire più magro. Alcuni costumi sono confezionati esclusivamente con lo spandex, ma questo provoca problemi d’irritabilità sulla pelle, solitamente è confezionato con una percentuale di questa fibra. Più in costumi da bagno sono a scopo dimagrante, maggiore sarà la percentuale di spandex contenuta nel tessuto. Questa fibra però, patisce il cloro e dopo un po’ cede a causa di ciò. Possiamo dire che questa sia la “controindicazione” principale.

L’importanza del leggere le etichette

Cominciate a diventare curiosi, riguardo ai tessuti con cui sono confezionati i vostri costumi da bagno, leggete l’etichetta in primo luogo per conoscere la qualità e la quantità di fibra contenuta, in modo da non incorrere in spiacevoli allergie al prodotto qualora lo abbiate acquistato senza tener conto del tessuto con cui esso è fatto. Ovviamente il discorso di stare attenti alle etichette si può ampliare anche ad altri tipi di vestiti che non siano costumi da bagno.

Leggete anche attentamente sull’etichetta, tutte le istruzioni per il mantenimento, certamente, non potrete evitare di metterlo a contatto con coloro o sotto il sole, ma potrete evitare di lavarlo con acqua bollente causandogli di perdere tutta la sua forma e consistenza.

Una volta determinato il tipo di tessuto a voi più adatto, decidete il modello migliore per la vostra persona. Un costume troppo ristretto per una taglia abbondante, renderà ridicolo chi lo porta, esistono tantissimi modelli anche per taglie forti che sono indossate perfettamente. Una donna, con qualche chilo di troppo, potrebbe preferire un costume intero, mentre una ragazza atletica, non avrebbe che l’imbarazzo della scelta.

Svelato uno dei segreti di bellezza meglio custoditi da Hollywood

logoVi siete mai sbirciati allo specchio dopo un’ora di esercizio fisico? Allora avete sicuramente notato come la pelle sia più luminosa, compatta e arrossata. Questo è un buon segno, è la prova che sangue ricco di ossigeno ha raggiunto tutte le cellule anche quelle della pelle del viso.

L’ossigeno è indispensabile per mantenere la giovinezza del viso: diminuisce drasticamente la comparsa di rughe e incoraggia la salute generale della pelle. L’utilizzo quotidiano di oli arricchiti di ossigeno sotto forma di ozono, gli oli ozonizzati, promuovono l’ossigenazione e mantengono la pelle sana e tonica.

Combattere i danni cutanei, macchie di età, rughe, rilassamento cutaneo da cedimento della struttura di sostegno del collagene, è possibile se aumentiamo l’apporto di ossigeno alle zone più periferiche del corpo, e una di queste è la pelle! Condizioni infiammatorie risultato di stress o lesioni possono trarre sicuro beneficio dagli oli arricchiti di ossigeno sotto forma di ozono che non solo nutrono ma, migliorando la micro circolazione, garantiscono l’eliminazione di prodotti di scarto, tossine e radicali liberi.

Quando le cellule non ricevono abbastanza ossigeno, lentamente cominciano a rallentare la funzionalità fisiologica e muoiono. L’ossigeno aiuta la pelle a guarire dopo traumi, lesioni o interventi chirurgici, può migliorare infezioni della pelle come l’acne cronica. Anche le infezioni fungine della pelle e la forfora possono trarre beneficio da una maggiore ossigenazione dei tessuti.

In poche parole: L’ossigeno rende la pelle più bella. Molte celebrità utilizzano trattamenti all’ossigeno per mantenere la giovinezza del viso: Jennifer Lopez, Katie Perry, Megan Fox, Jennifer Aniston, Brad Pitt, Fergie, Kate Moss, Nicole Kidman, Justin Timberlake e Naomi Campbell. Comincia subito anche tu il trattamento su www.verdelime.it!

Alle terme per il ponte del primo maggio

logoIl primo maggio è una festa davvero molto importante, la festa dei lavoratori. Questo meraviglioso giorno di riposo merita di essere festeggiato con il massimo del relax possibile, quel relax che durante il resto dell’anno è difficile da scovare, quel relax che è spesso per molte persone una vera e propria chimera, un vero e proprio miraggio. Vi consigliamo allora di optare per le terme, luoghi questi che nascono proprio per il relax.
Trascorrere il ponte del primo maggio alle terme significa immergersi nelle calde acque termali, un’immersione di grande piacere e di immenso benessere che vi permette di riscoprire il vostro corpo, di eliminare ogni forma di dolore e di cancellare lo stress delle vostre vite quotidiane. Vi basterà qualche momento nelle acque termali per dimenticare la routine, gli impegni di lavoro, l’ansia che la vita necessariamente comporta e vi sentirete come trasportati in un vero e proprio paradiso dove esiste solo il piacere. E pensare che si tratta solo di acqua! Le terme sono il benessere naturale infatti per eccellenza, proprio perché si basano solo sulle acque termali che la generosa natura ci regala.

Le terme offrono molte coccole per coloro che hanno bisogno di un relax ancora più intenso. Potete richiedere fanghi, massaggi, trattamenti per la pelle del corpo e del viso per ritrovare durante questo ponte del primo maggio tutto il vostro naturale splendore, la vostra bellezza e la vostra giovinezza. Ma le terme non sono di certo solo il tempio del relax e della bellezza, sono anche il tempio della salute. Le acque termali ci permetto non solo infatti di dare nuovo slancio al nostro corpo e di eliminare i dolori, ma anche di respirare meglio.

Sono davvero numerose le terme e i centri termali disponibili in Italia, tutti luoghi questi che possono essere raggiunti molto facilmente anche in auto. L’auto è senza dubbio la scelta ideale, durante il ponte del primo maggio avrete così la possibilità anche di andare alla scoperta delle zone circostanti senza difficoltà, dovete sempre ricordare infatti che tutte le terme italiane sono immerse in paesaggi di rara bellezza.
Vi ricordiamo di controllare la polizza assicurativa prima di partire per un viaggio di questa tipologia, inutile infatti andare alla ricerca del relax e del benessere se poi non si è protetti da un’adeguata assicurazione contro gli incidenti e gli infortuni. Nel caso fosse in scadenza vi consigliamo di andare alla ricerca delle migliori assicurazioni on line, assicurazioni queste che vi permettono infatti di risparmiare davvero molto soldi. Sappiamo benissimo che il risparmio è importante, ma sappiamo altrettanto bene quanto sia importante avere una qualità eccellente quando si tratta della nostra sicurezza.

Richiedete allora qualche preventivo con l’apposito form preventivo assicurazioni auto dei siti delle compagnie. Tra i siti che vi consigliamo di consultare c’è Conte.it, un sito questo che racchiude l’esperienza di varie compagnie di fama internazionale e che offre polizze di ottima qualità.